8 ragioni per veleggiare attorno alla Penisola di Sabbioncello, Croazia

8 ragioni per veleggiare attorno alla Penisola di Sabbioncello, Croazia
16/08/2018

Sabbioncello (Peljesac) è la seconda maggiore penisola della Croazia ed è un po' meno battuta rispetto ad altre mete. Questa verdeggiante penisola unisce montagne e mare in una combinazione unica ed è circondata da acque fantastiche per andare a vela. L'atmosfera rilassata la rende una tappa desiderabile per marinai con barca a noleggio oppure di proprietà ed è raggiungibile con una breve tratta di navigazione da Ragusa (Dubrovnik), dove si possono noleggiare barche. In alternativa, è possibile percorrere il Canale di Sabbioncello in barca a vela partendo dall'Isola di Curzola (Korcula). Gli ancoraggi più protetti si trovano a Loviste e Stagno (Ston), ma ci sono anche altri piccoli porti lungo le coste orientali e meridionali. Ecco a voi 8 ragioni che rendono Sabbioncello una meta di navigazione così apprezzata.

1. Il vino

Gli enofili dovrebbero assolutamente organizzare una visita a questa penisola. È infatti qui che vengono pressate le uve per i pregiati vini rossi croati. Lungo i ripidi pendii meridionali della Penisola di Sabbioncello, nella regione di Dingac si trovano rigogliosi vigneti di Plavac Mali. Qui viene inoltre coltivata la varietà Postup. Con queste vigne vengono prodotti i premiati vini rossi della regione, che sembrano quasi la trasposizione liquida dell'energia pura del sole. I vini bianchi della zona vengono invece prodotti con la varietà Posic, coltivata localmente e nella vicina isola di Curzola. Se vi trovate nella zona, non perdetevi un bel tour vinicolo.

2. Le ostriche

Stagno e Stagno Piccolo (Mali Ston) sono due piccoli villaggi famosi per le ostriche.  Stagno Piccolo si trova ad un solo chilometro dal più ampio villaggio di Stagno e ospita una marina in cui potrete attraccare comodamente. Le imponenti mura di Stagno (le più lunghe mura difensive d'Europa) connettono i due villaggi; troverete ostriche eccellenti in entrambi. Dalla parte di Stagno dovrete navigare nelle difficili acque del Canale di Stagno (Stonski Canal), mentre l'allargamento in corrispondenza di Brozze (Broce) costituisce un buon punto di ancoraggio e si trova a soli 3 km da Stagno. Il motivo per cui queste ostriche piatte europee sono tanto deliziose è legato alla combinazione unica di nutrienti presente nella Baia di Piccolo Stagno. La baia stessa è ricca di sale, mentre il vicino Fiume Narenta (Neretva) immette acque ricche di minerali provenienti dalle sorgenti da cui sgorga. Si tratta senza dubbio di alcune delle migliori ostriche crude del mondo.

Mali Ston, Peljesac, Croazia

3. Trestenico

Trestenico (Trstenik) sorge lungo le coste meridionali della penisola ed era un tempo un importante porto per l'esportazione di vini. Noto anche come il porto del vino, attualmente il villaggio, che si affaccia sulla bella baia a forma di mezzaluna, vive soprattutto di pesca ed è costituito da pochissime persone. Il villaggio è protetto da un frangiflutti che fu costruito dagli austroungarici nel 1903. Su parte del lungomare è possibile attraccare e ormeggiare. Nel molo le acque sono profonde circa 4 metri, mentre attorno all'adiacente spiaggia di ciottoli sono fonde 5 metri. Si tratta di un tipico villaggio di mare con spiagge acciottolate e acque limpide. La ben nota Grigic Winery si trova proprio qui. Un luogo affascinante, autentico e tranquillo molto amato dai marinai.

4. Il paesaggio

La Penisola di Sabbioncello è una regione montagnosa. Le montagne verdi e grigie si ergono aguzze dal mare creando paesaggi sublimi. Navigando lungo le coste è possibile avere vedute mozzafiato della penisola dal mare.

La natura è generosa su questa penisola. Le valli sono fertili e ospitano vigneti verdeggianti alternati a boschi di cipressi e pini marittimi. Il resto del paesaggio è popolato di uliveti, limonaie e frutteti. Per poterli esplorare e apprezzare appieno vale la pena addentrarsi nella terraferma. Potrete ormeggiare la vostra barca a vela nel porto del comune di Sabbioncello (Orebic) e camminare fino in cima al monte Ilija. A 1000 metri di altezza i panorami di Curzola, Meleda (Miljet) e dell'Adriatico saranno ancora più incredibili.

Peljesac, Croazia

5. Raccolta del sale a Stagno

Oltre alle ostriche, il villaggio di Stagno produce anche sale; si tratta infatti del più antico produttore di sale d'Europa e risale al XIV secolo. La zona di produzione del sale si trova tra i fertili campi di Stagno e la profonda Baia di Stagno, e comprende 7 gruppi di vasche per l'evaporazione dell'acqua di mare, da cui viene ricavato il sale marino. Ed è proprio il sale il motivo per cui nel 1385 la Repubblica di Ragusa (Dubrovnik) costruì le mura difensive che proteggono il villaggio. il metodo di estrazione del sale non è cambiato nel corso dei secoli e potrete anche aiutare nella raccolta del sale da luglio a settembre. Non perdetevi il Festival del Sale a fine agosto se vi trovate in zona.

6. Kobas

Se vi piace visitare zone poco battute, visitate il piccolo villaggio di Kobas, situato nella parte sud-orientale della penisola. Questo piccolo villaggio di pescatori è molto popolare tra marinai e amanti del buon cibo e ospita alcuni dei migliori ristoranti della penisola. Molti di questi ristoranti servono prodotti di produzione propria, tra cui olio di oliva, verdure fresche e ovviamente gli onnipresenti vini della regione. Ogni ristorante dispone di una banchina per l'ormeggio e il paese rappresenta il luogo migliore per trascorrere una notte o due dopo una visita a Stagno.

7. Navigazione corroborante

Questa striscia di mare e coste, nota come Canale di Sabbioncello, può essere molto ventilata ed è per questo amata da chi adora sentire il vento tra i capelli. Di solito i venti si sollevano di sera e riempiono le vele di chi naviga discendendo dal canale. Il rinfrescante vento maestrale soffia da nord-ovest durante le calde giornate estive, dal mare verso la terra. Generalmente i venti non sono forti (circa 30 km/h) anche se talvolta possono rafforzarsi a mano a mano che si naviga verso sud. Per queste ragioni in estate il Canale di Sabbioncello è teatro di numerose regate di vela.

8. Sport acquatici

La penisola di Sabbioncello è una sorta di mecca del windsurf della Croazia. Potrete partire dalla località di Vigagni (o Porto Rosario, in croato Viganj), dove troverete un piccolo porto per ormeggiare. Gli stessi venti che rendono tanto corroborante la navigazione sono ottimi anche per fare windsurf. Quindi, se vi piace l'idea di sostituire una vela grande con una piccola e una barca con una tavola, assicuratevi di fare una tappa da queste parti.

Sulla penisola è molto popolare anche lo scuba diving, soprattutto alla ricerca di navi affondate. Sotto queste acque si trovano infatti la Boka, una nave affondata nel 1981 e situata a soli 15 metri di profondità, il siluro tedesco S-57 affondato vicino al faro di Lirica durante la seconda guerra mondiale, e un antico relitto romano. L'eccellente visibilità, le caverne subacquee e l'interessante vita marina mediterranea rendono queste acque perfette per immergersi. Se non siete sub, iscrivetevi ad un programma di scoperta sub oppure, se ne avete il tempo, fate un corso.

Queste erano soltanto otto delle molte ragioni per navigare lungo le coste di Sabbioncello la prossima volta che noleggerete una barca in Dalmazia.


0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome: *

Email: *

Sito web:


Commento: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Inserisci il codice nel box di seguito: