Itinerario di crociera Punat-Punat 7 giorni (di Robert Gal)

Itinerario di crociera Punat-Punat 7 giorni (di Robert Gal)
13/02/2020

Il porto turistico di Ponte sull'isola di Veglia (Krk) è molto ben attrezzato ed è il centro di diverse stazioni charter di yacht. È perfettamente collegato al ponte e all'autostrada per l'entroterra. Inoltre, l'aeroporto di Veglia si trova a soli 40 km di distanza.

Di solito, specie a causa della calca estiva e del caldo, il primo pensiero è quello di fuggirsene via in barca a vela il più presto possibile! Perché, ovviamente, non appena si parte e il vento comincia a soffiare sul ponte, sul viso, sui capelli... la sensazione di calore si riduce della metà!

Ma resistete per un altro po', quel tanto che basta per ispezionare accuratamente la barca, informarsi presso il personale del charter sulle condizioni della barca, su eventuali problemi che si possono verificare, sulle previsioni meteo locali, ecc. Loro se ne intendono e sono generalmente disposti ad aiutarvi e a darvi spiegazioni. Riempite la vostra barca di provviste per almeno due giorni e partite!

Dando per scontato che abbiate controllato le previsioni del tempo e che non siano stati segnalati venti di bora, l'isola di San Gregorio (Grgur), un tempo una prigione, con la sua baia riparata, il colore turchese del mare, i profumi dei pini e delle erbe mediterranee, sarà un ottimo posto per trascorrere la prima notte! Non abbiate paura se sentite rumori di qualcosa che si muove a riva. L'isola è infatti piena di cervi selvatici, che spesso scendono a riva al crepuscolo.

Arbe (Rab) e i suoi quattro campanili!

Città di Rab
Città di Rab

Naturalmente, prima di Arbe, vi fermerete a fare il bagno in una delle bellissime baie di cui l'isola abbonda. Non c'è bisogno di indicarne una in particolare perché sono tutte... speciali! Tuttavia, la mia preferita è la Sveta Mara, probabilmente perché più volte mi ha dato riparo dai forti venti di bora.

Grazie alla storia, all'architettura, alla gastronomia e ai vari eventi, Arbe è una delle mete preferite dai diportisti. Potete fare una passeggiata nel centro storico e nella via centrale. Oppure potete aspettare il tramonto sulla via alta, sbirciare in uno dei giardini, salire fino alle mura, al campanile e molto altro ancora!

Assaggiate la Rapska Torta (torta di Arbe), sedetevi accanto alla fontana che illustra le leggende sulle origini dell'isola, informatevi su Marin, lo scalpellino, diacono e fondatore della Repubblica di San Marino. Poi chiudete gli occhi e tornate al Medioevo. Quando li riaprirete, se vi troverete circondati da cavalieri e balestrieri, se un colpo di cannone vi spaventerà, no, non pensate di stare sognando. Sarete semplicemente nel bel mezzo della "Rab Fjera"

Artigiani, fabbri, mugnai, giullari di corte e ballerini, un torneo di balestra, fanfara, tamburi ... Tutto il centro storico è ritornato al Medioevo e anche voi, viaggiatori del tempo, ne fate parte!

E poi, gli Angoli di Arbe! Un evento unico nel suo genere nel quale, sulle note dei musicisti locali, si possono scoprire luoghi nascosti, giardini di chiese, ville ...

Rabska fjera
Rabska fjera


Rabska Fjera

 

Isola Asinello (Ilovik)

Abbiamo navigato da Arbe all'Asinello, un famoso porto con boe montate e ancoraggio molto sicuro nel canale tra le isole Asinello e San Pietro (Sveti Petar). Niente di più bello che essere fissati in modo sicuro sotto la fortezza veneziana, Fortic, sull'isola di San Pietro per salutare il tramonto.

Inoltre, per gli amanti delle spiagge sabbiose, sul lato sud dell'Asinello si trova la baia di Pržina. Entrando nella baia, fate attenzione al pescaggio della vostra imbarcazione. La baia è poco profonda e c'è un banco di scogli tra la baia di Parknu e quella di Pržina.

Sansego (Susak)

Per gli amanti della sabbia, a soli 10 miglia a ovest di Asinello c'è l'isola di Sansego, un fenomeno geologico. L'isola è interamente sabbiosa con tre grandi insenature sabbiose, ma per me la preferita è ancora la baia di Porat sul lato ovest dell'isola.

Probabilmente perché è completamente selvaggia, scavata nella sabbia e così isolata che non ha nemmeno una rete internet. È una situazione ideale, se volete, finalmente, stare insieme ai vostri teenager! Inoltre, l'isola è per lo più ricoperta di vigneti che producono vini (Illyria, Liburnia) ottenuti dal vitigno autoctono Trojiščina.

Se decidete di passare la notte lì, cosa che capita spesso, non dimenticate di visitare anche la città. Salite fino al villaggio più in alto, date una sbirciatina alla chiesa, chiedete informazioni sui costumi tradizionali, minigonne dai colori vivaci, costumi unici al mondo, e camminate fino al faro.

Lussinpiccolo (Mali Losinj)

Port of Mali Losinj
Lussinpiccolo (Mali Losinj)

Se intendete andare da Asinello a Lussinpiccolo, fate in modo di navigare vicino alla riva e scegliete una delle baie: la baia di Pijeska, Balvanida, il mini fiordo della baia di Krivica, la baia di Engleza sull'isolotto di Koludarac, proprio all'ingresso della baia di Lussino. All'ombra di pini secolari, simili fra loro, eppure ognuno speciale a modo suo. È semplice. Basta fermarsi, gettare l'ancora e il più delle volte si decide poi di restare!

Baia di Artratore, spiaggia di Zabodarski a circa un miglio a ovest dall'ingresso della baia di Lussino, ma vale sicuramente la pena di fare il viaggio, soprattutto con il maestrale serale quando le vele spiegate bastano da sole a portarci lì.

In fondo alla baia, lunga due miglia, troviamo Lussinpiccolo, la più grande città delle isole adriatiche, con due porti turistici, posti barca sul pontile vicino alla città stessa, due stazioni di servizio, negozi, mercati, ristoranti e tutto ciò che la città ha già da offrire. Un posto ideale per riempire la dispensa di una barca.

Se non si ha la fortuna di andare a pescare, nel centro c'è un mercato di pesce particolarmente ben fornito. Sulla piazza ci sono anche una fontana, due delfini e una scultura di un pescatore, e un po' più avanti sul lungomare si arriva di fronte al Museo di Apoxyomenos. Qui viene custodito uno dei nove esemplari di antiche statue in bronzo che raffigurano un atleta. È molto ben conservata e famosa in tutto il mondo. Venne trovata alla fine degli anni Novanta vicino all'isolotto di Vela Oruja, nell'arcipelago di Lussino.

Lussingrande (Veli Losinj)

Lussingrande (Veli Losinj)
Lussingrande (Veli Losinj)

A mezzo miglio dal porto della città, sul lato nord della baia, tra i due porti turistici, troverete il passaggio Privlaka: 8 metri di larghezza e 2,4 metri di profondità. Si apre tutti i giorni alle 9 e alle 18, tranne quando ci sono forti venti di bora. Viene data precedenza alle barche che escono dal porto. Fate attenzione alle correnti nel canale, cioè, non partite subito dopo la barca davanti a voi, ma lasciate un po’ di spazio e mantenete una velocità costante nel canale. Frenare, fare retromarcia nel canale sono pessime scelte!

Dopo due miglia verso sud-est, si arriva a Lussingrande. Fate in modo di visitarla ed ora è il momento perfetto. Le barche che hanno fatto la notte sono in partenza e le escursioni giornaliere non sono ancora arrivate. Legatevi al molo sotto la chiesa di Sant'Antonio, l'abate che domina tutto il porto ed è un'ottima guida per la navigazione, perché il porto rimane ben nascosto dalla ripida linea costiera. Fate una passeggiata per la città costeggiando le vecchie ville, case dalle facciate colorate, attraverso la città all'ombra di pini secolari. La sua aria pulita e aromatica è considerata estremamente salubre fin dai tempi della monarchia austro-ungarica e ha fatto sì che la città diventasse un luogo di cura.

Non dimenticate di visitare il centro di ricerca marina (Institut Plavi svijet), il cui museo fornisce numerose informazioni, tra cui quelle sui delfini tursiopi che prosperano in queste acque.

Indipendentemente da quanto voi possiate desiderare di rimanere a Lussingrande o nella vicina Rovensca (Rovenska), noi continueremo a navigare ancora più a nord verso il promontorio dell'isola di Cherso (Cres) - Punta Križa. È una delle regioni con il maggior numero di insenature, baie e spiagge dell'Adriatico. In una zona così piccola si trovano calette turchesi con spiagge sabbiose e calette verdi dove ci si sente come se si stesse navigando in un bosco. Date un'occhiata alle previsioni e scegliete tra: Pogana, Baldarin, Meli, Vlaška, Kolorat, Majiška, Ul, Vrč e molte altre baie sicure, ricche di flora e fauna. Tuffatevi, ammirate le meraviglie del mare, sdraiatevi sulla spiaggia, su un letto di sabbia e alghe. Aspettate la notte e acchiappate le stelle che, grazie a una natura incontaminata e all'assenza di luce artificiale, qui sembrano davvero vicinissime!

Venti miglia a Punat. Navigate verso nord con la bora mattutina, forse non troppo vicino alla riva per non farvi distrarre dalla bellezza delle baie di Zaklopica o Toverščica, e ovviamente andate a Mela o Koromačno, con le sue spiagge nelle grotte. Oh no! Fermatevi ancora, fate una nuotata, gettate l'ancora a Kruščica, una baia profonda con una splendida riva o nella grotta di Ljubav (Amore) a Plauno (Plavnik)!

La città di Veglia è a sole 2 miglia dal porto turistico di Ponte e qui farete il pieno di carburante in una delle due stazioni di rifornimento, sotto le mura dell'antico castello medievale. Raccomando quella esterna perché quella interna è meno profonda e spesso piena di piccoli motoscafi.

Ponte (Punat)

Tutto finisce, certo, e questo viaggio non fa eccezione. Ma la colpa non è di Ponte! Infatti, partendo da qui avrete percorso solo il primo di molti itinerari possibili.

Da visitare ci sono ancora Cherso, l'Istria e le isole esterne di Ulbo (Olib), Selve (Silba), Premuda e Unie (Unije), e mi dispiace molto di non averle inserite in questo tragitto. Per i più esperti, coraggiosi e desiderosi di tornare alla natura, c'è anche il canale della Morlacca (Velebit), ecc.

Ma visto che a Ponte già ci siamo, la visitiamo. Ci sono il lungomare e i ristoranti. Poi saliamo su una barca taxi e visitiamo Košljun: un'isola con una flora eccezionale, con oltre quattrocento specie di piante. Il monastero francescano - andiamo nel suo museo a scoprire la storia dell'isola di Veglia. Oppure facciamo una passeggiata lungo un sentiero o lungo alcuni percorsi paesaggistici tra uliveti secolari, saliamo fino alle Tre Croci e immergiamoci ancora una volta nei colori e nei profumi della sera.

______________________

Autore: skipper Robert Gal

skiper Robert Gal


Articoli relativi
Goli Otok - L'inferno nella famigerata Alcatraz croata

Goli Otok - L'inferno nella famigerata Alcatraz croata

Navigando verso nord attraverso il canale di Velebit, al largo della costa settentrionale della Croazia, tra le isole di Rab e Veglia (Kr..

0 Commenti
Itinerario di crociera Punat-Punat 3 giorni (di Robert Gal)

Itinerario di crociera Punat-Punat 3 giorni (di Robert Gal)

L'isola di Veglia (Krk)! Per quanto abbia navigato tante volte intorno a quest'isola, essa riesce sempre in qualche modo a sorprendermi! ..

0 Commenti
0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome: *

Email: *

Sito web:


Commento: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Inserisci il codice nel box di seguito: