Imparare a parlare – Termini nautici basilari

Imparare a parlare – Termini nautici basilari
23/10/2017

Conoscere quali termini nautici utilizzare a bordo di una barca è fondamentale per comunicare mentre si naviga. Pertanto, nessuno dovrebbe mettersi in mare senza conoscere le parole base. I termini utilizzati dai marinai per secoli sono tuttora in uso. Ad esempio, nella lingua inglese sono presenti ovunque e risalgono al XVI e XVII secolo. Qui troverete alcuni termini nautici fondamentali che qualunque marinaio dovrebbe conoscere, oltre a dei simpatici modi di dire ormai entrati nell’uso comune, ma che hanno origini nella grande tradizione marinara, riportati sia in italiano che in inglese.

Parti della barca e termini utili

1. Poppa – La parte posteriore dell’imbarcazione.

2. Prua – La parte anteriore dell’imbarcazione.

3. A sinistra – è la parte sinistra della barca guardando verso la prua.

4. A dritta - Dritta è sempre la parte destra della barca guardando verso la prua.

5. Ponte – La parte superiore della barca che copre lo scafo.

6. Boma – La boma è il palo che si estende dal fondo dell’albero. Aggiustare la boma verso la direzione del vento rappresenta il modo in cui l’imbarcazione è in grado di governare il potere del vento per muoversi avanti o indietro.

7. Timone – Un pezzo piatto di legno, vetroresina o metallo collocato sotto la barca. Le imbarcazioni più grandi controllano il timore attraverso un volante, mentre quelle più piccole hanno un meccanismo di sterzo direttamente a poppa.

8. Randa – La vela a poppa dell’albero attaccata all’albero e alla boma.

9. Fiocco – La vela tra lo strallo e l’albero

10. Spinnaker – Una grande vela simile ad un pallone attaccata all’albero di fronte alla barca. Utilizzata per navigare sottovento.

11. Drizza – Una cima utilizzata per issare una vela.

12. Scotta – Una cima utilizzata per regolare una vela.

13. Verricello – Strumento utilizzato per accorciare una cima.

14. Galloccia – Strumento utilizzato per saldare una cima.

15. Sottovento – La direzione opposta a quella in cui sta attualmente soffiando il vento (verso il vento).

16. Verso il vento – La direzione in cui il vento sta attualmente soffiando. Verso il vento è opposto a sottovento (direzione opposta al vento). Le imbarcazioni tendono a muoversi con il vento, rendendo la direzione verso il vento un termine importante da conoscere.

17. Virata – Si tratta di una manovra base e fa riferimento al girare la prua della barca verso il vento in modo che il vento agisca sul lato opposto della barca. La boma di una barca si muoverà sempre da una parte all’altra quando si esegue una virata.

18. Strambata – Manovra opposta e meno comune della virata, descrive lo spostamento della poppa verso il vento in modo che il vento si sposti da una parte all’altra della barca.

19. Allascare – Far uscire le vele.

20. Assetto – Far rientrare le vele.

 

Lo slang (inglese) del marinaio

Molte parole ed espressioni nascono dal nostro rapporto con il mare. Ad esempio, in inglese troviamo parole e frasi di uso comune come “overwhelm” (“sommergere”) e “Please stand by” (“tieniti pronto,” espressione derivata dal comando del capitano ai marinai di tenersi pronti). Ecco una breve lista, tutt’altro che esauriente:

1. Alla luce del sole (“above board”) – significa onesto. I pirati erano soliti nascondere gran parte della ciurma sotto il ponte. Le navi che mostravano il loro equipaggio alla luce del sole erano oneste navi mercantili.

2. Tutto l’aiuto possibile (“all hands on deck”) – tutti devono aiutare. Termine utilizzato per comandare ai marinai di mettersi in posizione e prepararsi all’azione.

3. Via l’acqua (“bale out”) – uscire da una situazione. In origine, “to bale out” significava rimuovere l’acqua dall’imbarcazione.

4. Bisboccia (“binge”) – indulgenza smodata. Termine nautico per svuotare qualcosa, come una bottiglia di rum. Si dice che il marinaio che si è scolato qualcosa, come il rum, “have a binge,” ovvero “ha fatto bisboccia.”

5. Andare Avanti (“Carry on”) – continuare a svolgere un compito. Nei giorni di navigazione, l’ufficiale del ponte tiene d’occhio costantemente i cambiamenti del vento in modo che le vele possano essere aggiustate per assicurare il più rapido abbrivo. Ogniqualvolta si solleva una brezza positiva, viene dato l’ordine di “carry on,” andare avanti. Significava issare ogni centimetro di vele possibile.

6. Non dondolare la barca (“don't rock the boat”) – Mantenere le cose come stanno.

7. Vestito di tutto punto (“Dressed to the nines”) – vestirsi con abiti eleganti. Per celebrare le vittorie, una nave di ritorno era solita tornare a casa o in porto “vestita” di bandiere e festoni, più membri possibile dell’equipaggio erano soliti allinearsi sulle prime nove iarde (le “nines” inglesi, appunto) per salutare il loro re.

8. “Feeling under the weather” – Questa espressione inglese si riferisce al sentirsi poco bene o nauseati e deriva dalla frequenza con cui i passeggeri delle navi soffrono di mal di mare con il brutto tempo.

9. “Footloose and Footloose and Fancy-Free” – espressione inglese che indica l’agire senza impegno. L’espressione viene dal termine utilizzato per il fondo della vela, chiamato anche “foot” (piede) che deve essere legato alla boma. Se non viene assicurato in modo adeguato può diventare “footloose” (a piede libero) impedendo all’imbarcazione di navigare adeguatamente.

10. Seguire la corrente (“go with the flow”) – prenderla alla leggera o lasciarsi guidare dagli eventi circostanti. Un’espressione utilizzata per dire che si naviga nella stessa direzione della corrente, rendendo il movimento più liscio e fluido.

Con questi termini in mente, parlerete come dei veri marinai all’istante! 


0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
Nome: *

Email: *

Sito web:


Commento: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Inserisci il codice nel box di seguito:



JULIA
40%
Bavaria 40 2002
07/04/2018 - 28/04/2018
Cuccette: 6+2
1.000€ 600€/ 7 giorni
per person 75€/ 7 giorni
Cab.: 3 / WC: 2
Località: Trogir
BELLA
19%
07/04/2018 - 05/05/2018
Cuccette: 6+3
850€ 689€/ 7 giorni
per person 77€/ 7 giorni
Cab.: 3 / WC: 1
Località: Biograd na moru
NINA
40%
07/04/2018 - 28/04/2018
Cuccette: 6+2
1.100€ 660€/ 7 giorni
per person 83€/ 7 giorni
Cab.: 3 / WC: 2
Località: Trogir